Pietà e proprietà: archivi dell’assistenza a Piacenza dal XV al XX secolo

Vai alla Locandina dell'evento

La giornata si è aperta con una prolusione del direttore Gian Paolo Bulla (PDF 238 Kb) che ha inquadrato l'iniziativa nella cornice della manifestazione voluta dal MIBACT "Domenica di carta. La cultura è apertura: archivi e biblioteche si raccontano". Nella sua introduzione Bulla ha fornito anche dati aggiornati relativi al patrimonio documentale conservato dall'Archivio di Stato di Piacenza.

Sara Fava ha illustrato le linee generali per la realizzazione di una Guida agli archivi dell'assistenza (PDF 1221) conservati in Archivio di Stato delineandone gli obiettivi e gli scopi, individuandone gli utenti finali e presentando gli archivi oggetto di descrizione e inventariazione.  

Nella sua relazione Fava ha dedicato un approfondimento a uno dei fondi più importanti, per storia e consistenza: quello degli Ospizi civili - Azienda sanitaria di Piacenza. 

Le vicende archivistiche del fondo sono raccontate attraverso le carte che danno voce ai diversi amministratori che, tra la metà e la fine dell'Ottocento, tentarono di riorganizzare e sistemare la documentazione dell'ente: tentativi segnati da numerose difficoltà e insuccessi, tanto da far ritenere praticamente impossibile la realizzazione di un inventario del materiale.

Fava ha concluso con un riferimento all'Art bonus e alla possibilità, per chi intende contribuire economicamente alla realizzazione del progetto, di diventare mecenate dell'Archivio e ottenere, a vantaggio, un credito di imposta pari al 65% di quanto erogato.